ER GAZOMETRO

Se scrive, lo sappiate, co’ la zeta
pe’ via de un francesismo, un po’ snobbista
che sembrava carzaje come seta,
ma annò in disuso all’epoca fascista

“chè un’italica esse è più consòna!”
Ma la zeta rimase popolare,
anzi, è servita poi a discriminare
si eri de Ostiense oppure ‘n’artra zona.

E lui è rimasto, segno distintivo,
dapprima pe’ tant’anni funzionante,
poi, segno de un ricordo ormai tardivo,
de quello che era l’area circostante.

Adesso sembra inutile ed inerte.
e nun lo vedi gonfio, la mattina
o a sera sulla tacca più bassina.
ma si c’hai er core e c’hai le orecchie aperte

Dar vento, che ce soffia tra li pali
sentirai raccontà storie de gente.
Facchini dei Mercati Generali,
gassisti stanchi, dallo sguardo assente,

massaie che facevano la spesa
co’ pochi spicci , in mezzo a un gran trambusto,
pe riuscì a dà alla cena un po’ de gusto,
comprà frattaje. O mele, da Teresa.

E te racconterà storie de vita.
De Lando. Scaricava giù ar mercato,
cantando co’ na voce mai sentita
e diventò un cantante assai affermato.

O der Sor Mario grosso e tracotante,
coll’aria de quarcuno che je fuma,
“sta mano pò esse fero o pò esse piuma!”
(ma cominciò facenno er figurante).

Settimio, che venneva li piattini
a li palazzi nòvi, là de dietro
un giorno t’ha incontrato Pasolini
e da quer giorno diventò San Pietro.

O la storia der fijo der tabaccaro
che pe’ bravura o pe’ la stella bona
divenne direttore della Roma,
oppure de quell’artro borgataro

che ognuno dice: “Come ha fatto?. Mah….”
fece li sòrdi, prima produttore,
adesso presidente in serie A,
che te soride dar televisore.

E ascolterai der luglio der sessanta
coll’Arma che a cavallo caricava
tutta la gente che lì scioperava
(e de gente, quer giorno, ne era tanta!).

E quanno all’Olimpiade la medaja
sur petto de D’Inzeo già sfavillava,
ar gazometro, no, nun ce se sbaja.
Nun c’era gente che lo festeggiava.

O storie certamente non famose
de quelli che rimasero “normali”
che nun rimaneranno negli annali,
ma fecero lo stesso tante cose.

Chi organizzava squadre de pallone,
cercanno un campo pe’ li ragazzini,
chi sorrideva sempre alle persone
vendendo quotidiani o giornalini.

E er lattaro, Duilo, Topolino,
Sora Iris, Paolina, er carzolaro,
Salvatore er barbiere, er carbonaro,
er chiavaro e la bici de Brimbrino.

O er parroco che ha sarvato tanti ebrei
fino all’arrivo dell’americani
e in sacrestia, gratis amore dei,
stampava i volantini partigiani.

E te, che mò te dai l’appuntamento,
pe’ annatte a ‘mbriacà er venerdi sera,
pensalo come fosse ‘na bandiera,
guardalo come fosse un monumento.
Sto Gazometro è vita. Vita vera.