Molti lettori occidentali tendono a ignorare la letteratura russa, da quella antica a quella del nostro secolo, sebbene abbia dato alla luce dei capolavori letterari. Cercando di essere sintetico e chiaro, voglio proporvi alcuni autori che mi hanno colpito per la loro attualità e profondità di pensiero: da Bulgakov a Dostoevskij, dieci grandi racconti della letteratura russa.

 

Dice Paolo Nori, scrittore amatissimo che più volte ha legato la sua attività letteraria alla tradizione russa: “La letteratura russa è di una attualità che spiazza, una matrice narrativa da cui attingere materiale per le proprie storie. Sempre. Il divario morte/vita; la relazione tra invenzione letteraria e realtà quotidiana; la costruzione rapida del protagonista”.

Dieci lezioni di scrittura attraverso dieci racconti russi da leggere e ri-leggere sempre.

 

1) “La morte dell’impiegato”, di Anton Čechov

“ (…) Confuso, Cervjakòv sorrise stupidamente e si mise a guardare il palcoscenico. Guardava, ma non si sentiva più beato. L’angoscia cominciò a tormentarlo.”

L’avverbio “stupidamente” e l’aggettivo “beato” rivelano quello che pensa l’autore del protagonista, che non coincide con quello che il personaggio è e, forse, anche con quello che il lettore pensa. Avviene perché Čechov, pur nascondendosi dentro la testa dei suoi personaggi, non è un autore impersonale, bensì un abile prestigiatore di punti di vista.

 

2) “Morfina”, di Michail Bulgakov
Racconto di ispirazione autobiografica, ha come protagonista il dottor Bomgard, che riceve da un collega, il dottor Poljakov, un diario in cui racconta la sua dipendenza dalla morfina. Geniale metafora dei sentimenti dello scrittore nei confronti dei drammatici fatti storici della Rivoluzione D’Ottobre e della Russia: non c’è reazione, per Bulgakov, se non quella di restarne assuefatti.

 

3) “La foresta e la steppa”, di Ivan Turgenev
“L’interno del bosco si oscura piano piano; il color porpora del crepuscolo serale scivola lentamente sulle radici e sui tronchi degli alberi, sale sempre più su, passa dai rametti bassi, ancora spogli, alle immobili cime sonnacchiose.”

I racconti dedicati alla steppa sono perfetti scorci della natura che sovrasta l’esistenza umana.

 

4) “Il cappotto” di Nikolaj V. Gogol’
Un impiegato zelante e alienato trova beneficio sociale tramite l’acquisto di un cappotto. Quando viene derubato del prezioso indumento, depresso e ammalato, muore. Da quel giorno il suo fantasma vaga per le vie di Pietroburgo a derubare i passanti dei loro cappotti.

 

5) “La morte di Ivan Il’ič”, di Lev Nikolaevič Tolstoj
Una storia indimenticabile e molto attuale, in cui l’ambizione cieca e la sete di denaro combattono contro il senso del dovere e l’etica morale.

 

 6) “Il sogno di un uomo ridicolo”, di Fëdor Dostoevskij
“Sono un uomo ridicolo, adesso poi dicono che sono pazzo”.

Il manifesto del pensiero esistenzialista moderno. L’opera che tutti gli scrittori, e aspiranti tali, devono avere sul proprio comodino.

 

7) “La dama di picche”, di Aleksandr Sergeevič Puškin
La passione di Hermann per il gioco d’azzardo si trasforma in una prigionia mentale, che porterà il protagonista ad una follia più confortevole della lucida realtà famigliare.

 

8) “Primo amore”, di Vladimir Nabokov
Se fu davvero Lolita il primo amore del genio scandaloso di Nabokov, noi non lo sapremo mai; ma in questo racconto autobiografico ci sono alcuni elementi utili per farsi un’idea. Anche se, considerato il protagonista/autore, si rivelerà probabilmente un’idea sbagliata.

 

9) “Il ballo”, di Irène Némirovsky
Il dramma di un amore respinto. Un piccolo classico di un’autrice giustamente molto amata, figlia di emigrati russi ebrei, mai in pace e sempre critica nei confronti della ricca e arcigna borghesia parigina degli anni Trenta.

 

10) “Konovalov”, di Maksim Gor’kij
Sulla classica linea narrativa russa. Un uomo, dalla vita in apparenza tranquilla, un giorno decide di darsi all’ubriachezza, alla mollezza per liberare se stesso dalla prigionia di una vita qualunque.